Dom, 23 Giu 2013

COMUNICATO RAIWAY

SI PREGA DI DARE AMPIA DIFFUSIONE:
Al fine di evitare il ripetersi di problematiche interferenziali nell'area adriatica, particolarmente rilevanti nei periodi in cui si registrano temperature al di sopra della norma, Rai Way, dopo una serie di test durati alcuni mesi, ha previsto alcune modifiche alla rete DTT del Friuli Venezia Giulia.
Gli interventi sulla rete avranno inizio il 28 giugno p.v. e le attività saranno completate in due fasi.

Fase 1: Una prima fase che interesserà esclusivamente il mux 1 e le modifiche strutturali riguarderanno principalmente le emissioni dagli impianti di Udine e Pordenone. Impianto di Udine: L'attuale segnale del mux 1 con contenuti regionali friulani passa dallo storico sistema radiante circolare con polarizzazione orizzontale al provvisorio e sperimentale sistema radiante "settoriale" rivolto essenzialmente verso nord con polarizzazione verticale. Il canale su cui il segnale sarà diffuso rimarrà invariato (ch UHF 24). Sullo storico sistema radiante circolare con polarizzazione orizzontale sarà inoltre trasmesso - sul ch UHF 25 - un mux 1 di backup con contenuti regionali friulani (i cui contenuti saranno distinguibili rispetto al mux 1 diffuso sul ch UHF 24 dalla parola "provvisorio" posta dopo il nome di ciascun servizio - es. "Rai 1 provvisorio"). Impianto di Pordenone: A poca distanza dalla postazione Rai di Castaldia sarà attivato un ulteriore mux 1 con contenuti regionali friulani, diffuso anch'esso sul ch UHF 24, ma con diagramma di radiazione tale da compensare la perdita di area di servizio dell'impianto di Udine modificato come illustrato in precedenza. Nella fase 1, per la presenza del segnale di backup dall'impianto di Udine diffuso sul ch UHF 25, non sono previste variazioni di copertura del mux 1. Non è necessario né consigliabile, in questa fase, intervenire sugli impianti riceventi domestici. Sarà però necessario per buona parte dell'utenza effettuare una nuova sintonia del decoder o TV con decoder intergrato.

Fase 2: Concluse le attività della fase 1, si procederà a consolidare le modifiche radioelettriche degli impianti di Udine e Pordenone ed, eventualmente, ad intervenire su altri siti (Trieste Belvedere su tutti) al fine di ottimizzare le performance della rete. Dopo alcuni mesi sarà disattivato il segnale di backup del mux 1 sul ch UHF 25 da Udine e anche gli altri mux Rai saranno portati nella configurazione sopra descritta per il mux 1. Solo a questo punto qualora, pur avendo effettuato la risintonizzazione, fosse impossibile ricevere i segnali Rai sarà necessario adeguare gli impianti riceventi domestici, verificando il puntamento delle antenne o la presenza di filtri.
Cordiali Saluti. Rai - Digitale Terrestre.